§ 1.7 • L’UOMO O LA DONNA NON PUÒ FARE

PRIMA CONFERENZA

Questo quinto paragrafo è tratto interamente dalla versione originale inglese del libro The Psychology Of Man’s Possible Evolution (La Psicologia dell’Evoluzione Possibile dell’Uomo) di P. D. Ouspensky, che si pronuncia: uspiénski; perciò, in questo sito Ouspensky si trova scritto così: Uspiénski.
Dapprima fu intitolato Six Psychological Lectures: 1934–1940 (Sei Conferenze Psicologiche: 1934–1940) e pubblicato a Londra nel 1940, divulgandolo privatamente.
La traduzione ragionata in italiano, che include le integrazioni, le note e questa introduzione, è a cura di:
Ugo Aryaman Tendi, Guida Specchiata di seiriosol — SèiRìoSòl + Scuola di Quarta Via.

Sia Buona Pace, Salute e Gaudio!

1.7.1 Che cosa significa che l’uomo o la donna è una macchina?
•   •   •
1.7.2.1 Significa che costui o costei non ha movimenti o moti indipendenti, all’interno o all’esterno di sé stesso, o di sé stessa.
1.7.2.2 Costui o costei è una macchina, che è mossa e fatta diventare una marionetta da influssi e influenze esterni e da impatti esterni.
1.7.2.3 Tutti i suoi movimenti, tutte le sue azioni, parole, idee, emozioni, tutti i suoi sentimenti, umori e pensieri sono prodotti da influssi e influenze esterni.
1.7.2.4 Da sé, costui o costei è soltanto un automa o robot * con una certa provvista di ricordi di esperienze precedenti e una certa quantità di energia di riserva.
* Specificamente, i robot di Karel Čapek (pronuncia: [ˈkarɛl ˈtʃapɛk]) fu un giornalista, scrittore e drammaturgo ceco (giovedì 9 gennaio 1890, Malé Svatoňovice, Trutnov, Hradec Králové — lunedì 26 dicembre 1938, Praga).
Si tratta di uomini e donne artificiali organici, ovverosia, ‘esseri costruiti’ producendo artificialmente le diverse parti del corpo e assemblandole insieme.
Nel 1920 l’autore li descrisse nel suo lavoro più famoso, il dramma in tre atti R.U.R. (Rossumovi univerzální roboti), in cui focalizzò i pericoli dello scientismo e del razionalismo, immaginando una società basata sul lavoro dei robot semi-umani, mancanti soltanto dell’anima, che piano piano si ribellano e schiacciano gli uomini.
L’opera è a lieto fine perché i robot stessi scoprono l’amore e i sentimenti. (Nota della Guida Specchiata — N.d.G.S.)
•   •   •
1.7.3 Noi dobbiamo dapprima capire e dappoi comprendere che l’uomo o la donna non può Fare niente.
•   •   •
1.7.4.1 Sennonché, costui o costei  se ne accorge se ne persuade e attribuisce a sé stesso, o a sé stessa la capacità di Fare.
1.7.4.2 Questa è la prima cosa errata che l’uomo attribuisce a sé stesso, o la donna a sé stessa.
•   •   •
1.7.5.1 Questo dev’essere dapprima capito e dappoi compreso chiarissimamente.
1.7.5.2 L’uomo o la donna non può Fare.
1.7.5.3 Tutto ciò che l’uomo pensa che lui stesso faccia, o la donna pensa che lei stessa faccia, accade veramente.
1.7.5.4 Accade esattamente come ‘piove’ o ‘disgela’.
•   •   •
1.7.6.1 Nella lingua inglese non ci sono forme verbali impersonali, che possano essere usate riguardo ad azioni umane. *
* Viceversa, in italiano come in francese c’è la forma verbale del si impersonale, che può essere usata riferendola alle azioni umane, ma che è intraducibile in inglese; per esempio, “A casa tua si mangia sempre bene!” col significato di “Le tue prelibatezze inducono sempre a farsi mangiare!”. (N.d.G.S.)
1.7.6.2 Cosicché noi dobbiamo continuare a dire che l’uomo o la donna: pensa, legge, scrive, ama, odia, inizia guerre, lotte e così via.
1.7.6.3 In verità, tutto ciò accade.
•   •   •
1.7.7.1 L’uomo o la donna non può muoversi, pensare o parlare di propria iniziativa.
1.7.7.2 Costui o costei è una marionetta tirata qua e là e su e giù da fili invisibili.
1.7.7.3 Se costui o costei dapprima capisce e dappoi comprende ciò, costui o costei può imparare di più su sé stesso o stessa e, forse, allora le cose potrebbero incominciare a cambiare per costui o costei.
1.7.7.4 Sennonché, se costui o costei non può accorgersi persuadersi della sua completa meccanicità e comprenderla, oppure se costui o costei non desidera accettarla come un dato di fatto, costui o costei non può imparare niente di più e le cose non possono cambiare per costui o costei.
•   •   •
1.7.8.1 L’uomo o la donna è una macchina, ma una macchina peculiarissima.
1.7.8.2 Costui o costei è una macchina che, in circostanze adatte e col trattamento adatto, può sapere che costui o costei è una macchina e, essendosi pienamente accorto e persuaso di ciò, costui o costei può darsi che trovi i modi per cessare di essere una macchina.

      

1) attiva il Paragrafo precedente:
    § 1.6 • L’UOMO NON CONOSCE SÉ STESSO E LA DONNA NON CONOSCE SÉ STESSA
2) attiva il Paragrafo successivo:
    § 1.8 • L’UOMO O LA DONNA NON È UNO — COSTUI O COSTEI È MOLTI
3) riattiva il Menu di Lettura delle Conferenze:
    CONFERENZE.

      

Per un resoconto più completo del Sistema di Idee di Gurdjìeff — detto semplicemente Il Sistema apportato in occidente, che è complesso e onnicomprensivo,
1) attiva il Menu di Lettura del Sistema:
    IL SISTEMA.

      

Rènnas del Castèl, Occitània
Croix Cathare Croce Càtara
Guida Specchiata

versione settembre 2020
a cura di:
Ugo Aryaman Tendi (Guida Specchiata)
per SèiRìoSòl + Scuola di Quarta Via
www.seiriosol.xyz
YouTube Channel seiriosol

Per qualunque altra informazione:
attiva questo CONTATTO hyperlink, compila il modulo e invialo.

Font Color #512874 — R=81 G=40 B=116 — Seiriosol Violet [applicato in questa pagina]

Sia Buona Pace, Salute e Gaudio!